Codice della strada

ANIMALI INVESTITI, COSA DICE IL CODICE DELLA STRADA.

IL CODICE. L'innovazione del Codice della strada del 2010, a questo proposito, è chiara.

L'Art. 189 - 9bis dice infatti che «l'utente della strada, in caso d'incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d'affezione, da reddito o protetti, ha l'obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subìto il danno».
Per i trasgressori sono previste multe salate che vanno da 389 a 1.559 euro. Non è tutto. A rischiare è anche chi, a vario titolo coinvolto nell'incidente, non presta la dovuta assistenza (nell'eventualità il responsabile evada ai suoi compiti): in questo caso la multa andrà dai 78 ai 311 euro.
I SOCCORSI. Un'altra novità riguarda invece coloro che si adoperano per offrire assistenza in simili casi di emergenza. Vengono equiparati alle ambulanze, ai vigili del fuoco e alle forze di polizia anche i veicoli per il pronto intervento veterinario. Questo vuol dire che se mezzi di soccorso veterinario e di sorveglianza zoofila dovessero trovarsi ad infrangere il Codice della strada per trasportare un animale in "stato di necessità", questi non potranno essere sanzionati.
I numeri da contattare in caso di necessità sono quelli della Polizia Stradale, della Polizia Municipale o del Servizio Veterinario della ASL di competenza territoriale. Qualora si assista ad un evento simile, ma non si sia direttamente coinvolti, sarà opportuno procedere all'annotazione della targa delle vetture coinvolte: sarà così possibile fornire agli agenti di polizia i dati utili per comminare ai trasgressori le dovute pene amministrative.